Appia ritrovata e…dimenticata!

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
www.bassovolturno.it

A dieci anni dal ritrovamento di un segmento della “Regina Viarum”

niente è cambiatoOccasioni mancate per l’economia locale.

a cura di Giuseppe PASQUALINO (Giornalista Pubblicista freelance & blogger)

Tracciato dell’Appia antica

Non è la prima volta, e non sarà neanche l’ultima, che in occasione di scavi per lavori stradali o per costruzioni private si rinvengono oggetti, elementi, strutture appartenute al passato, molto spesso anche di immenso valore. Clamoroso il ritrovamento dell’antico anfiteatro rinvenuto in un appartamento nella zona dell’Anticaglia a Napoli, struttura teatrale voluta, costruita e frequentata dall’Imperatore  Nerone.

Borgo rurale Appio – Grazzanise 

Medesima esperienza vissuta dagli operatori di uno scavo effettuato circa dieci anni fa in località Sant’Aniello, a confine tra i Comuni di Grazzanise e Francolise, per la costruzione di una strada rurale nei pressi del Borgo rurale “Appio“; la sovrintendenza ai beni artistici, archeologici e monumentali di Caserta in quella occasione poté refertare i chiari cenni di materiali stratificati riconducibili, con molta probabilità, addirittura al tracciato dell’Appia Antica, la “Regina Viarum”, la strada consolare che dalla Roma imperiale conduceva a Brindisi passando per Sinuessa, l’odierna Mondragone, e Capua. 

Capua, Appia antica e Torri federiciane

A tale proposito, dalla capitale stanno partendo significativi progetti per la rivalutazione dell’antico percorso attraverso progetti turistico-culturali. Ed è proprio in questi circuiti turistici che potrebbero trovare conforto economico i Comuni interessati dai ritrovamenti attraverso un impegno sinergico tra Enti territoriali, Ministero della Cultura e, perché no, imprenditoria privata. Non è il solo questo ritrovamento, per cui porre in cantiere un progetto tra professionisti e studenti di archeologia porterebbe alla luce l’antico tracciato della “Regina delle Strade” e farebbe da volano economico per le comunità locali. Chissà! 

3 risposte

  1. Non vale però Io non ho dato alcun consenso ai cookies e si accende la spunta automaticamente:siete tutti uguali allore

  2. Questi ritrovamenti dovrebbero essere inseriti in Google Map, nella sezione strade antiche, in modo che col navigatore ci si possa arrivare facilmente. E quindi poi avere una mappa completa dei siti da valorizzare: ma lo sappiamo, tutti dormono

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri Articoli

Quando il “teatro” unisce

www.bassovolturno.it Associazione “Scena Teatro Management” di Salerno <Amore mio> al Teatro Fazio di Capua Con il testo e la regia di Antonello De Rosa,

3 risposte

  1. Non vale però Io non ho dato alcun consenso ai cookies e si accende la spunta automaticamente:siete tutti uguali allore

  2. Questi ritrovamenti dovrebbero essere inseriti in Google Map, nella sezione strade antiche, in modo che col navigatore ci si possa arrivare facilmente. E quindi poi avere una mappa completa dei siti da valorizzare: ma lo sappiamo, tutti dormono

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *