Viva la Mozzarella… e il latte?

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp

di Giuseppe Pasqualino

Santa Maria la Fossa e Cancello Arnone palcoscenici per l’oro bianco.

Chissà che alla fine delle due manifestazioni non si pensi anche a deporre una “corona” alla memoria delle migliaia di bufale scomparse! A questo proposito, nasce spontanea una domanda: ma con migliaia di capi bufalini abbattuti a causa di una ipotetica “brucellosi”, come si fa a produrre la stessa quantità di mozzarella, se non più di prima? Può darsi che durante le due feste qualcuno lo racconti. 

Si avvicinano i giorni in cui la “regina della tavola”, “l’oro bianco” dei “Mazzoni”, sarà celebrata nei due centri classici della produzione lattiero-casearia campana: Santa Maria la Fossa e Cancello ed Arnone, non perché gli altri centri fossero da meno bensì per due motivi particolari. Si legge in alcuni autorevoli saggi storici che la cittadina fossatara abbia fornito i migliori “curatini”,  coloro i quali sono addetti alla fabbricazione (cagliatura) di formaggi a pasta molle a base di latte di bufala, dalle cui mani, dalla cui esperienza dipende, ancora tutt’oggi, la riuscita del preziosissimo prodotto finale.

Cancello ed Arnone, invece, dal punto di vista geografico è posto al centro dei “Mazzoni” ed è definita la “capitale” della mozzarella, sia per l’ingente presenza di capi bufalini sia per la qualità del latte prodotto, grazie alla composizione geologica dei propri terreni, creati quasi apposta per l’allevamento della bufala; a prova di ciò viene incontro la statistica che registra dodici caseifici e circa centocinquanta aziende bufaline.

A ridosso della storica e imponente processione dell’Assunta, che si vive ogni anno il 14 di agosto a Santa Maria la Fossa, nelle serate del 12 e 13 la terza edizione della “festa della mozzarella” esploderà in tutta la sua allegria presentando il prodotto caseario “mozzato”, accompagnato dalla presenza di artisti del calibro di Emiliana Cantone, Enzo e Sal, conosciuti dagli appassionati di “Made in Sud”, Mimmo Dani, Tony Mirra, giovanissimo cantante neo melodico fossataro, e il DJ Kaimano.  

Sabato e domenica prossima, invece, nel cuore del basso Volturno, a Cancello ed Arnone si vivrà addirittura la 45^ edizione della festa, una vera e propria carrellata di artisti di fama nazionale che in tutti questi anni hanno fatto da “padrini” o “madrine” dell’evento. Proprio lo scorso anno, il conduttore televisivo Stefano De Martino, è stato nominato “Ambasciatore nel mondo della mozzarella di bufala di Cancello ed Arnone”, una chiara dimostrazione vanitosa che sottolinea la particolare specialità del prodotto locale. Farà da testimone Errico Porzio, titolare della famosissima pizzeria vomerese di Via Scarlatti, mentre gli artisti che saliranno sul palco saranno tantissimi, tra cui Samurai Jay, Vesuviano, Yoseba, Federico Di Napoli, Andrea Tartaglia, Gabriele Esposito, Maria Nazionale e tanti altri. 

L’avvenimento gastronomico è stato presentato a Palazzo Santa Lucia, sede della Regione Campania, dal primo cittadino riconfermato di Cancello, Raffaele D’Ambrosca che lo scorso anno aveva presentato la 44^ edizione, a conclusione del suo mandato elettorale, questa volta nel locale storico napoletano “Gambrinus”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri Articoli

Quando il “teatro” unisce

www.bassovolturno.it Associazione “Scena Teatro Management” di Salerno <Amore mio> al Teatro Fazio di Capua Con il testo e la regia di Antonello De Rosa,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *