PUBBLICITA' SUL NOSTRO PORTALE?

Vitello bufalino grande risorsa da valorizzare

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp

www.bassovolturno.it

a cura di Peppino PASQUALINO

Giornalista Pubblicista freelance & blogger

“Terra mia” si concentra per valorizzare la carne locale.

A Santa Maria la Fossa la 4^ edizione della sagra del vitello bufalino.

Giunta ormai alla sua quarta edizione, la sagra del “Vitello bufalino” acquista sempre più credibilità e sancisce una eccellenza gastronomica sempre più apprezzata non solo a livello locale, provinciale e regionale ma anche, e soprattutto, in tutta la nazione dove viene commercializzata. <La sagra del vitello bufalino di Santa Maria la Fossa non è una semplice sagra ma un connubio perfetto di gastronomia, cultura, tradizione e storia>, esordisce in tal modo la brochure diffusa da “Terra mia”, la Pro Loco di Santa Maria la Fossa che già da tempo sta lavorando sodo per portare al quarto successo questo importante appuntamento che si celebra nel cuore del basso Volturno. 

(Gaudiano Amerigo Presidente della Pro Loco “Terra Mia”)

<Concentreremo sempre più il nostro operato per valorizzare sempre più la qualità della carne bufalina, unica nel suo genere tra le carni più magre e leggere> – dichiara il Presidente della Pro Loco, Amerigo Gaudiano.  <A prova di questo nostro impegno – aggiunge Gaudianoè l’apertura di un tavolo istituzione, subito dopo l’apertura della manifestazione di sabato 2 settembre, al quale parteciperanno l’On.le Marco Cerreto, della commissione parlamentare per l’agricoltura, l’On.le Gimmi Cangiano, della commissione cultura, il Sindaco Nicolino Federico, i rappresentanti dei comuni limitrofi e dell’associazione per la tutela della bufala mediterranea>. L’occasione sarà propizia per programmare tutta una serie di interventi strategici per la valorizzazione del prodotto bufalino.

Le serate del 2 e 3 settembre daranno la possibilità a tutti gli ospiti (che si spera numerosi come nelle edizioni precedenti) di gustare in forme diverse la tenerissima e gustosa carne del vitello di bufala cresciuto con particolari cure alimentari e offerto alla Pro Loco dall’Azienda Grasso.    

(Azienda agricola Grasso)

Il lavoro sinergico, non solo nel campo lattiero-caseario e agricolo-pastorale, si sta dimostrando strategico a livello territoriale per dare al basso Volturno una degna collocazione nel panorama regionale e nazionale, maggiormente nel settore commerciale del prodotto bufalino inteso come elemento gastronomico di qualità; la trasformazione della carne in diverse lavorazioni sta guadagnando sempre più scalini verso il vertice della gastronomia regionale.

<Allevata con cura e professionalità da personale esperto e professionalmente preparato – conclude orgoglioso il Presidente della Pro Loco – la carne bufalina è tra le migliori al mondo e soggetta a continui e repentini controlli sanitari>. 

3 risposte

  1. Ciao Peppe.Grande iniziativa.Speriamo che il settore bufalino sia sempre all’altezza del suo nome.Saluti.

  2. La prelibatezza della carne bufalina e le sue qualità nutrizionali sono accertate manca ahimè la consapevolezza ancora di tanta gente. Buon lavoro Amerigo e in bocca al lupo per la manifestazione che sarà sicuramente un successo.

  3. I nostri prodotti sono migliori di tutti…basta solo pubblicizzare come fanno le altre regioni… soprattutto al nord Cmq bella iniziativa.Comopimenti👍

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri Articoli

CINGHIALI IN LIBERTA’

www.bassovolturno.it a cura di Peppino PASQUALINO Giornalista Pubblicista freelance & blogger Non solo “Roma” anche Santa Maria la Fossa ha i suoi cinghiali.

LA DISLESSIA NEL BASSO VOLTURNO, PARLA TANIA PARENTE

www.bassovolturno.it a cura di Peppino PASQUALINO Giornalista Pubblicista freelance & blogger Disturbi dell’apprendimento? 8^ Edizione dedicata dall’AID al basso Volturno Uno dei problemi

“Appia Day” 2023 passa per Carditello

www.bassovolturno.it a cura di Peppino PASQUALINO Giornalista Pubblicista freelance & blogger Un’altra “fine settimana” all’insegna della cultura. Una ciclo-tappa sull’Appia Antica per le famiglie.