Teatro di innovazione: decimo appuntamento al Teatro Fazio di Capua

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp

www.bassovolturno

blog di Peppino PASQUALINO

L’opera di Giuseppe Manfridi 

rivisitata dal regista napoletano 

Antonio Iavazzo

(Antonio Iavazzo regista teatrale)

COMUNICATO STAMPA

Decimo spettacolo in programma, “L’INCONTRO”, ispirato all’opera “La Cerimonia” di Giuseppe Manfridi. Si tratta di un debutto nazionale, con la regia e la libera rivisitazione di Antonio Iavazzo. E’ inserito in una nuova sezione della rassegna, “Il Teatro dei Germogli”, riservata alle giovani Compagnie, a Progetti Speciali, e a Scuole e Centri di formazione artistica. E’ prodotto dall’Associazione “Il Colibrì” di Sant’Arpino (CE).

Questo spettacolo, qui al suo debutto assoluto, nasce da un adattamento molto complesso e articolato del bellissimo testo “La Cerimonia” del drammaturgo italiano Giuseppe Manfridi. Un appuntamento in un luogo indefinito e dopo diversi e intensi anni di vita in comune, tra un uomo e una donna. Qui, in questa speciale visione e messinscena, moltiplicati in mille volti e archetipi, in un effetto di spaesamento e continui “cambi” di prospettive e visione. Il quotidiano è un pretesto per scavare nei ricordi, nei non detti, tra rimproveri, allusioni. Una “danza delle parole” che stordisce e che, in qualche modo rende i protagonisti teneri e simili, nelle loro
vulnerabilità, a tutto il genere umano. Il desiderio sotteso, che si traveste sovente nel suo opposto nella vita relazionale, come spesso capita alle anime inquiete, è quello di un disperato bisogno di amore e protezione. La lezione di Ionesco e Beckett sempre presente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri Articoli

8 – PILLOLE DI PREVENZIONE

Pillole di protezione civile In caso di terremoto e sei …. … IN CAMPAGNA Se vivi in campagna il posto è il

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *