SANTA MARIA LA FOSSA: isola ecologica ancora chiusa.

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp

www.bassovolturno.it

blog di Peppino PASQUALINO 
Giornalista Pubblicista freelance & blogger

Cancelli chiusi da cinque anni. 

 Suppellettili nei fossi e in riva al Volturno. 

Isola Ecologica

Basta fare un giro per le strade campestri o lungo le strade provinciali extra urbane, tra l’altro rifatte a nuovo da poco tempo e anche con la relativa pulizia dei fossati laterali, per notare, giorno dopo giorno, il continuo abbandono di suppellettili di vario genere. In località “canale” un impressionante cumulo di panni e vestiti usati; ai margini della sponda sinistra del Volturno pneumatici, pezzi di carrozzeria di automobili, bidoni di solventi, giocattoli rotti, montagne di vetro, stracci, legname, amianto, elettrodomestici in disuso, mobili, divani, suppellettili varie; in località “Masseria Fratte” un’altra montagna di rifiuti, in gran parte riciclabili, e una catasta di onduline di amianto (da pochi giorni è avvenuta una bonifica a cura della Città Metropolitana di Caserta).

La causa di tutto questo scenario, almeno in larga parte, è la chiusura dell’isola ecologica da almeno cinque anni; una chiusura che da tempo è sulla bocca di tutti e non presenta sintomi di possibile riapertura. <E pensare – dicono in tanti – che quando è stata creata l’isola ecologica, in località “Ferrandelle”, sono state utilizzate ingenti risorse economiche che tutti credevano (dico… “credevano”) spese bene>. In effetti il progetto annunciato oltre dieci anni fa a piena voce, attraverso la stampa locale, delineava la creazione di piazzole di stoccaggio dove sarebbero state recuperati materie plastiche, legno, ferro, vetro, alluminio, carta, cartone e ogni cittadino avrebbe ricevuto una sorta di tessera magnetica da utilizzare ogniqualvolta sarebbe stata conferita nell’isola ecologica una determinata quantità di scarti riciclabili; come premio una riduzione della tassa TARI.

Macché! A diversi anni da quell’annuncio i risultati sono: chiusura dell’isola ecologica, niente tessera, rifiuti abbandonati dappertutto, cittadini infuriati (molti conservano suppellettili ed elettrodomestici ancora a casa con tanta pazienza e “senso civico”), tassa TARI raddoppiata se si considera che i servizi risultano dimezzati, niente compostiere, nessuna raccolta di medicinali scaduti, nessuna raccolta di pile e batterie esauste, buste date con il contagocce, un giorno in meno per il ritiro degli scarti umidi, mancato ritiro ingombranti.    

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri Articoli

Quando il “teatro” unisce

www.bassovolturno.it Associazione “Scena Teatro Management” di Salerno <Amore mio> al Teatro Fazio di Capua Con il testo e la regia di Antonello De Rosa,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *