Castelvolturno: da qui passa il futuro!

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
bassovolturno.it   
blog di Giuseppe PASQUALINO (Giornalista Pubblicista freelance e blogger)

 

Ora tocca a tutti noi, alle scuole in particolare, a quelle fucine di futuri cittadini da educare alla convivenza civile, nel rispetto reciproco, all’insegna della pace.

La pace si costruisce, non si…attende dagli altri. 

Da sempre additata come realtà della confusione etnica, comunità “macedonia“, luogo di raccolta dei “rifiuti umani”; l’estremo lembo casertano, bagnato dalle acque tirreniche, invece si qualifica “antesignano” della storia futura, quella che vedrà il miscelarsi delle diverse “umanità” sotto l’unica bandiera: la vita! Castel Volturno, quegli oltre settantadue kilometri quadri di pianura campana allungati fino a raggiungere l’area flegrea, sta per scrivere la storia dell’unica strada percorribile per l’umanità: quella della civile convivenza di tutte le “umane provenienze” in un mondo che si trasforma sempre più in “paese“.

Seguendo il percorso indicato dal Papa Francesco I ed elaborando i segnali che giungono dalle varie comunità presenti sul territorio castellano, il progetto “Costruiamo ponti e non muri” più che una iniziativa economica si veste di una profonda azione educativa, tant’è che la mostra organizzata presso l’auditorium della Parrocchia “Santa Maria del Mare” in Pinetamare tende a diffondere la cultura dell’accettazione, dell’accoglienza, della fraternità tra i popoli, l’unica strada che porta alla prosperità e alla pace.

La mostra allestita, dal titolo “Oltre i muri“, sarà visitabile dall’11 aprile al 12 maggio, tutti i giorni dal martedì alla domenica, nelle fasce orarie dalle 9:00 alle 12:00 e dalle 15:00 alle 18:00, presso l’auditorium della Parrocchia castellana retta da don Antonio Palazzo. Le libere offerte saranno destinate al progetto “Costruiamo ponti e non muri” che prevede la creazione di un’area sportiva, culturale e ricreativa attigua alla casa “Black & white” nella zona destra Volturno. Per le visite dei gruppi si rende necessaria la prenotazione ai contatti dei padri Comboniani secondo le indicazioni presenti nel manifesto.

Il manifesto che annuncia l’evento indica chiaramente il percorso “culturale-educativo” che, grazie alle visite guidate per singoli e gruppi, esporrà le immagini, le storie e i volti di chi è vittima dei muri creati dall’uomo stesso, quei muri che nessuno ha il diritto di erigere perché il mondo è di tutti. Le scuole del territorio, comprese quelle provenienti dall’intera diocesi capuana, a cui Castel Volturno appartiene, dovranno rispondere a questo forte richiamo alla riflessione su una tematica fondamentale per l’individuo umano che va…. Oltre i Muri!

 

 

 

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri Articoli

Quando il “teatro” unisce

www.bassovolturno.it Associazione “Scena Teatro Management” di Salerno <Amore mio> al Teatro Fazio di Capua Con il testo e la regia di Antonello De Rosa,

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *