“Accoglienza” … questo il messaggio che ha raggiunto i presenti!

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp

www.bassovolturno.it  di Giuseppe PASQUALINO (Giornalista Pubblicista – Free lance – Blogger)

Emozionante, grande risultato di pubblico nonostante il freddo. Soddisfazione del “Comitato” per la rappresentazione del Venerdì Santo… con “novità

Piazza Europa colma di gente, nonostante il repentino calo della temperatura e l’umidità serale, presenza attonita e silenziosa, effetti luce da brividi, le nudità dei personaggi a sottolineare la grande testimonianza di fede degli interpreti: questo il risultato raggiunto dal “Comitato Venerdì Santo” di Santa Maria la Fossa dopo un lungo e duro lavoro di preparazione. Giunto al terzo anno, questo forte momento di rappresentazione religiosa dal vivo ha aperto la serata introducendo, per la prima volta, la scena della drammatica attesa di Cristo nel Getsemani prima di vedere i due cortei storici allungarsi lungo le strade cittadine, al passo lento, accompagnati dalle drammatiche note della banda musicale giunta da Marcianise.

Al buio della centralissima Via Roma, spenta per l’occasione, accompagnato dallo struggente silenzio e dalle guardie in perfetto abbigliamento romanico dell’epoca, l’interprete del Cristo, sotto il giogo del pesante legno, ha raggiunto il sagrato della Chiesa Madre e il palco si è spalancato ad accoglierlo, con meravigliosi effetti scenografici e di luce, fino al tragico momento del suo innalzamento sulla croce e la sua morte; momenti emotivi amplificati dalla colonna sonora di sottofondo.

Un’altra stupenda novità, sottolineata dal pubblico presente con un forte e caloroso applauso finale, è stata quella dell’allestimento del sepolcro che si è schiuso, in un turbine di luci ed effetti scenografici da brividi, con il Cristo avvolto in un bianco sudario che contrastava enormemente con il colore della pelle dell’interprete: un ragazzo di origine africana. Un segnale forte messo in scena dalla regìa di questa rappresentazione, un messaggio rivolto a tutti per ricordare che tutti abbiamo le origini nel continente “nero” da dove i camiti, i semiti e i jafetiti sono partiti per dare vita alle varie popolazioni che oggi abitano la terra.

“Accoglienza”, questo il messaggio finale!

4 risposte

  1. Non esistono colori della pelle.Siamo tutte persone umane.In tutti gli uomini ci può essere chi è buono o chi è malvagio.Anche loro però se vogliono,possono redimersi.Speriamo quello di ieri sera sia un messaggio di ☮️ e accoglienza.Pasqua è sinonimo di ☮️.Ti saluto cordialmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri Articoli

Quando il “teatro” unisce

www.bassovolturno.it Associazione “Scena Teatro Management” di Salerno <Amore mio> al Teatro Fazio di Capua Con il testo e la regia di Antonello De Rosa,

4 risposte

  1. Non esistono colori della pelle.Siamo tutte persone umane.In tutti gli uomini ci può essere chi è buono o chi è malvagio.Anche loro però se vogliono,possono redimersi.Speriamo quello di ieri sera sia un messaggio di ☮️ e accoglienza.Pasqua è sinonimo di ☮️.Ti saluto cordialmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *